Colpiscono tutti e di qualsiasi età. Il non dormire a sufficienza, di non riposare bene o di non riuscire ad addormentarsi sono i sintomi principali .

Le conseguenze della mancanza di riposo sono evidenti: borse sotto gli occhi, pelle poco luminosa, palpebre appesantite e afflosciate, ansia, irritabilità, nervosismo e stanchezza. La difficoltà a dormire è causata da motivi abbastanza semplici da capire, per esempio la presenza di rumori disturbanti provenienti dall'esterno o frequenti brutti sogni, e in tal caso è più facile affrontare il problema.

Di frequente, però, alla base ci sono motivazioni di più difficile risoluzione. L'avanzare dell'età spesso è associato ad una difficoltà a dormire bene Si suddividono in dissonnie e parasonnie. Le dissonnie interferiscono con l'inizio o con la continuazione del sonno e ne provocano quindi un'alterazione della quantità, della qualità o del ritmo. Le parasonnie sono invece un insieme di fenomeni non desiderati prevalentemente legati ai sogni. Avvengono maggiormente nell'infanzia e nell'adolescenza.

DISSONNIE: sono cinque, ovvero l'insonnia, l'ipersonnia, la narcolessia, il disturbo del sonno correlato alla respirazione e il disturbo del ritmo circadiano del sonno. Insonnia: difficoltà ad addormentarsi, la sensazione comune a molti di non essere capaci di dormire o l'impossibilità di rimanere addormentati per tempi sufficientemente lunghi per potersi riposare. Si può parlare di insonnia solo nei casi in cui la scarsità di sonno causa reali problemi fisici o mentali alla persona, ma non quando un soggetto dorme poco e si sente comunque riposato e soddisfatto del sonno.

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter TED

Contattaci

Invia un'email o chiama

Visita la pagina Facebook di T.E.D.